Yemen: E’ salernitano l’italiano sequestrato e liberato a Sanaa

E’ originario di Salerno, Francesco Consalvo, il funzionario dell’Undp, il Programma delle Nazioni Unite per lo Sviluppo, rapito e poi liberato nello Yemen, Paese dell’estremo sud della Penisola Araba. Ci sono stati momenti di paura e la Farnesina ha immediatamente attivato tutti i canali per seguire il caso. Ma a risolvere il sequestro ci hanno pensato le forze di sicurezza yemenite che, secondo alcune fonti, hanno liberato l’italiano e arrestato i rapitori all’uscita di Sanaa. Ma la dinamica non è chiara e, secondo altre fonti, le forze di sicurezza hanno fatto irruzione in una casa dove gli ostaggi erano stati portati. Non è chiara se ci sia stato un conflitto a fuoco. Secondo il ministero dell’Interno sarebbe stato liberato anche il suo autista.

In Yemen i rapimenti di stranieri sono frequenti e spesso gli ostaggi occidentali vengono usati come forma di pressione sul governo centrale per soddisfare rivendicazioni di gruppi tribali contrapposti.

Lascia un Commento