Vittime innocenti delle mafie, testimonianze agli alunni di Montecorice. Le interviste

Antonio Ammaturo

Oggi a Montecorice, nel Cilento, la Giornata della Memoria e dell’Impegno, organizzata con “Libera – nomi e numeri contro le mafie”, per discutere sul senso della memoria nell’impegno civile e sociale delle giovani generazioni.

Un dibattito a più voci, alla sede della locale scuola, nel corso del quale gli allievi hanno ascoltate la testimonianza dei familiari delle vittime innocenti delle mafie.

Antonio Vuolo, sul posto, ha raccolto le voci della dirigente scolastica Gabriella Russo e di Gilda Ammaturo, il cui papà Antonio, capo della Squadra Mobile di Napoli, venne assassinato nel 1982

Ascolta
Gabriella Russo Gilda Ammaturo

Tra le testimonianze anche quelle di Lorenzo Clemente, presidente dell’associazione dedicata a Silvia Ruotolo, vittima innocente della camorra, e Angela Lampasona Arena, vedova del carabiniere Fortunato Arena, ucciso con il collega Claudio Pezzuto a Pontecagnano Faiano nel ’92 mentre era in servizio.

In rappresentanza dell’amministrazione comunale di Montecorice il consigliere Antonio Maffia e il vicesindaco Pasquale Tarallo

Ascolta il vicesindaco Pasquale Tarallo
Vicesindaco Montecorice

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su Facebook e Twitter.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Lascia un Commento