Visita ispettiva al carcere di Salerno del Garante Nazionale per i diritti dei detenuti

Il Garante nazionale dei diritti delle persone detenute o private della libertà personale ha effettuato una visita mirata al carcere di Salerno, in particolare le Camere di sicurezza di Questura e Carabinieri.
In positivo il Garante nazionale ha verificato la qualità professionale di direttori e comandanti di reparto delle strutture e il livello di vita detentiva, con molti progetti di reinserimento sociale e lavorativo. Gli aspetti di maggiore criticità hanno riguardato i rapporti con le Asl per la tutela della salute dei detenuti e le problematiche legate ai diversi circuiti carcerari che comportano diversi regimi di sicurezza e chiedono ai dirigenti e al personale un sforzo maggiore.
La delegazione ha esaminato registri, documenti, fascicoli personali: tale è infatti prerogativa della propria funzione. Lo ha fatto tenendo bene a mente il suo primario compito di prevenire possibili maltrattamenti e situazioni detentive che possano essere non in linea con l'assoluto precetto di tutelare la dignità di ogni persona.

Lascia un Commento