Villammare (SA) – Cerimonia funebre in ricordo del giornalista e scrittore Pierlibero

Una cerimonia laica, semplice, en plein air, in un silenzio rotto solo dal rumore del mare di cui quarant’anni fa si era perdutamente innamorato. Così Enzo Pezzati, in arte “Pierlibero”, 93 anni, si è congedato per sempre dai suoi ammiratori ma anche dai suoi tanti detrattori, da chi condivideva il suo pensiero e da chi ne dissentiva in maniera rispettosa. Un ricordo senza arzigogolii, quello che è andato in scena al parco Marinella di Villammare (nella foto). Funzionario delle Ferrovie dello Stato ed insegnante di diritto in un istituto tecnico e commerciale, ma soprattutto giornalista e scrittore, Enzo Pezzati, siciliano di Palermo, è stato il testimone di tantissime vicende dolci e amare del XX secolo, la maggior parte delle quali raccolte in volumi quali “Germania amara e dolce” (che racconta i suoi due anni di prigionia nella Germania Nazista) e “Mussolini, l’ultimo laico”. Ha fondato e diretto il mensile “I Corsivi” e collaborato con le emittenti “Radio Sapri” e 105 TV. Nel 2008, con la sua ultima opera letteraria Io C’ero, aveva vinto il Premio Internazionale Mario Soldati. Il Comune di Vibonati, dove risiedeva tutt’ora, il 14 aprile 2007 gli consegnò le chiavi della città. Un uomo con il dono raro della coerenza, schietto, a volte duro, ma con una grande dose di ironia.

Lascia un Commento