Video girati in classe in un istituto superiore a Salerno e diffusi in rete, accertamenti della polizia postale

Gli agenti della polizia postale di Salerno stanno passando al setaccio il web per provare a ricostruire la vicenda dei video registrati in alcune classi dell’istituto Regina Margherita di Salerno e diffuse in rete.

Le immagini, pubblicate sul web e diventate in poco tempo virali, ritraggono una docente in evidente difficoltà nel gestire la classe che viene derisa e presa in giro dagli studenti durante l’appello.

In un altro video si intravede un ragazzo che si avvicina incappucciato alla cattedra. La storia è ora all’esame degli agenti della polizia postale che stanno studiando il fascicolo, analizzando le attività e i movimenti avvenuti in rete. Accertamenti necessari per provare a risalire all’identità di chi ha messo in rete quelle immagini che hanno provocato grande amarezza nel mondo della scuola.

I video sarebbero spuntati fuori nello scorso week-end ma risalirebbero allo scorso anno.

La dirigente scolastica Angela Nappi ha avviato un’indagine interna per provare a far chiarezza su quanto accaduto, ascoltando alunni e genitori e convocando lunedì scorso un consiglio di classe avente all’ordine del giorno proprio la “verifica e le decisioni in merito al video virale del 14/09/2019”.

Anche l’Ufficio scolastico regionale sta seguendo passo passo la vicenda e vuole vederci chiaro.

Per lo studente che ha utilizzato il cellulare in orario scolastico potrebbero essere presi provvedimenti disciplinari ma resta da capire soprattutto chi abbia diffuso quei video in rete.

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su Facebook e Twitter.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Lascia un Commento