VERONA – Scontri con i tifosi della Salernitana. Perquisite le case di 23 ultra scaligeri

La Digos di Verona ha perquisito le abitazioni di 23 tifosi dell’Hellas Verona ritenuti responsabili di gravi turbative all’ordine pubblico in occasione dell’ incontro di calcio tra la squadra gialloblu e la Salernitana, valevole per finale di andata dei Play Off per il campionato di 1/a Divisione-girone A 2010-2011, disputatosi al Bentegodi lo scorso 12 giugno. Quel giorno raggiunsero Verona circa duemila sostenitori campani. La rivalità che divide le due tifoserie divenne l’occasione per causare disordini prima, durante e dopo la gara. A fine partita, vinta per 2-0 dalla compagine locale, un gruppo di 300 ultras veronesi, travisati per non farsi riconoscere, tentarono di aggredire i salernitani che stavano uscendo dallo stadio. Per evitare il contatto, si frapposero i reparti di Polizia che furono fatti oggetto di sassi e di altri corpi contundenti e alcuni agenti rimasero feriti. Da parte loro, alcuni ultras salernitani si resero responsabili di azioni violente sulla bretella autostradale. La polizia veronese arrestò 13 persone, denunciandone altre sei, in grande parte salernitani. Le indagini della Digos sono proseguite e grazie anche alle immagini registrate durante i disordini sono stati riconosciuti, nonostante il loro camuffamento, altri 23 ultras scaligeri, per i quali la procura ha emesso i decreti di perquisizione domiciliare, la cui esecuzione ha permesso oggi di acquisire ulteriori riscontri di prova circa la loro colpevolezza.

Lascia un Commento