Venerdi’ e sabato a Paestum la seconda edizione del Vino del Tuffatore

Appuntamento venerdì e sabato, 11 e 12 novembre, nel Museo di Paestum, con la seconda edizione de “Il Vino del Tuffatore – Archeologia e dieta mediterranea”. Una due giorni all’insegna dell’archeologia, enologia e medicina, con relazioni e tavole rotonde, ma ci sarà anche la possibilità di  degustare vini di aziende locali e nazionali che concorrono per il premio “Il Vino del Tuffatore”. Nella serata di sabato un comitato di esperti sceglierà il vincitore dell’ edizione 2016 e il vino selezionato come vincitore potrà fregiarsi del titolo di “Vino del Tuffatore”.

Quindici le aziende vitivinicole che parteciperanno all’evento, in arrivo da tutta le zone della Campania, in particolare dal Salernitano, ma anche dalla Sicilia, Toscana e Puglia.

L’inizio dei lavori è previsto venerdì alle 16.00 con una conferenza dal titolo “Il vino del tuffatore: nuove ricerche a Paestum e in Magna Grecia”, a cura del direttore del Parco Gabriel Zuchtriegel; a seguire la prof.ssa Elisabetta Moro interverrà sul tema “Ancel Keys e la sindrome del tuffatore”, mentre il prof. Marino Niola parlerà di “Il fermento di-vino”. I lavori si concluderanno con l’intervento del prof. Giuseppe Festa direttore del Corso di Perfezionamento Universitario in “Wine Business” dell’Università degli studi di Salerno sul tema “Marketing del vino, del territorio e del turismo”.

La mattinata di sabato si aprirà con la visita guidata al Museo seguita da una tavola rotonda con presentazione della guida catalogo delle Aziende Vitivinicole e Vinicole della Campania, edizione 2016.  Nel pomeriggio, nella Sala Santuari del Museo, si terranno i laboratori dal titolo “Analisi organolettica sul vitigno Aglianicone” e “Analisi organolettica e abbinamento vino-formaggio”. Alle 20 l’attesa consegna del Premio “Il Vino del Tuffatore”.

Lascia un Commento