Vasta operazione antidroga anche nel Salernitano, arrestate 20 persone. I dettagli

Radio ALFA, LIVE • LOCAL • SOCIAL
Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo

Sono 20 le persone arrestate all’alba di oggi nel corso dell’operazione antidroga dei carabinieri del comando provinciale di Salerno, nome in codice “Servitium”.

Di questi 20 indagati, 11 sono finiti in carcere e 9 ai domiciliari. Altre 6 persone hanno invece l’obbligo di dimora nel comune di residenza. 

L’operazione coordinata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Salerno ha visto impegnati dalle prime ore della mattina, circa 200 militari nelle province di Salerno, Avellino e Firenze, affiancati dai colleghi 7° Nucleo Elicotteri di Pontecagnano e del Nucleo Cinofili di Sarno.  

 

Tutti gli indagati sono gravemente indiziati, a vario titolo, di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti, con l’aggravante del metodo mafioso, detenzione e spaccio, porto abusivo di arma, ricettazione, minaccia e danneggiamento seguito da incendi. Le accuse comprendono anche la sostituzione di persona, uso di atto falso, falsità ideologica, favoreggiamento personale. 

I provvedimenti scaturiscono da una vasta ed articolata attività d’indagine avviata dai Carabinieri di Salerno nel mese di giugno 2017. Gli indagati per sfuggire ai controlli degli investigatori non hanno esitato a ricorrere all’intestazione fittizia di schede telefoniche a 15 persone ignare dei fatti ed all’utilizzo di smartphone di difficile intercettazione per condurre i loro traffici illeciti, venendo comunque scoperti.

L’organizzazione, con ruoli e competenze ben definite, poteva contare sulla disponibilità di notevoli quantitativi di cocaina, hashish, amnèsia e marijuana, i cui rifornimenti arrivavano dall’Albania e dall’Olanda. Durante le indagini i carabinieri hanno sequestrato circa 2 kg di cocaina.

Secondo gli inquirenti, le figure di spicco della compagine criminale erano Alfredo Cuozzo e Sabato Di Lascio, entrambi pluripregiudicati per stupefacenti e gravi reati contro la persona. Erano loro a promuovere e  a dirigere – spiegano gli investigatori – l’associazione avvalendosi del metodo mafioso, che palesavano sul territorio di Acerno attraverso una serie di gravi minacce, tra cui l’incendio di autovetture, allo scopo di allontanare spacciatori e organizzazioni rivali. La loro attività era finalizzata anche ad imporre il loro predominio sulla illecita attività di spaccio, stabilendo, in particolare, il prezzo e i canali di approvvigionamento della droga. 

Nel periodo di massima contrapposizione tra il gruppo CUOZZO-DI LASCIO e gli altri spacciatori acernesi, l’attenzione degli inquirenti è stata rivolta anche al noto pluripregiudicato Ciro PERSICO, referente dello storico gruppo delinquenziale del centro storico salernitano, recentemente arrestato nell’ambito di un’altra vasta operazione antidroga. 

Sono stati documentati contatti anche tra Cuozzo ed i fratelli Carmine e Vito De Feo, a capo dell’omonimo clan attivo a Bellizzi. Le citate mediazioni hanno, di fatto, condotto ad una pacifica composizione del dissidio. Un ulteriore filone investigativo ha riguardato il “broker” salernitano Fiorenzo PAROTTI, soprannominato “Biondo” e “Tiger”, che, pur non essendo organico al sodalizio, ne ha condiviso i canali di rifornimento della droga.

Secondo gli investigatori il fatturato mensile dell’impresa criminale si aggirava intorno ai 100mila euro. 

 

Altri particolari dell’operazione sono stati illustrati stamattina in conferenza stampa. Il comandante provinciale dei Carabinieri di Salerno, Gianluca Trombetti, si è soffermato sul contesto geografico di Acerno in cui avveniva lo spaccio di droga e sul ruolo di Ciro Persico
Trombetti su dettagli operazione antidroga

 

Il maresciallo Giuseppe Siani invece ha posto l’attenzione sulle proprietà di una droga ancora poco conosciuta: l’amensia
Siani su operazione antidroga

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Vipnet, la soluzione per internet e voip senza linea fissa

Lascia un Commento

Contattaci whatsapp