Vallo d/L: Cinque arresti per estorsione ad imprenditore balneare

Cinque persone sono state arrestate con l’accusa di estorsione, danneggiamento seguito da incendio e sequestro di persona, questa mattina dai carabinieri di Vallo della Lucania e di Acquavella, nel Cilento. Le indagini, coordinate dalla Procura di Vallo della Lucania, sono state condotte dalla Stazione Carabinieri di Acquavella a seguito di un incendio che, il 22 settembre 2012, ha interessato un’autovettura e un deposito di attrezzature balneari di proprietà di un imprenditore di Casal Velino. Gli incendiari, arrestati stamani, volevano costringere la vittima a corrispondere somme di denaro non dovute e a cedere loro l’attività imprenditoriale. I destinatari della misura cautelare ai domiciliari sono noti pregiudicati originari dei Comuni di Cava de’ Tirreni, Ottaviano, San Gennaro Vesuviano e San Giuseppe Vesuviano.

La vicenda ha tratto origine da un piccolo prestito concesso all’imprenditore cilentano da parte di un personaggio dell’hinterland napoletano, il quale ha poi preteso di subentrare nella gestione del lido in cambio di una esigua liquidazione, nettamente inferiore al valore dell’attività turistica. Al diniego della vittima, il pregiudicato, ha posto in essere ripetute minacce e altre azioni intimidatorie, come il danneggiamento dell’abitazione. Non ottenendo quanto pretendeva l’uomo si è fatto aiutare da alcuni conoscenti, che hanno continuato con minacce più incisive, anche verso i famigliari della vittima.

Lascia un Commento