Vallo della Lucania. Crisi idrica, da due banche 4 milioni per le reti idriche fatiscenti

Non accenna a diminuire la crisi idrica che sta caratterizzando questa estate rovente, e che è legata alla carenza di piogge che va avanti da molti mesi, con conseguenze gravi per quanto riguarda l’agricoltura e i consumi. Al preoccupante problema dovuto alla scarsità di risorsa idrica si aggiunge anche la condizione obsoleta delle reti idriche, alla quale il “Consac gestioni idriche spa” sta cercando di fare fronte ponendo in essere interventi di sistemazione delle reti.

Ora un grosso aiuto arriva dalla Banca del Cilento e dalla Bcc di Buonabitacolo che hanno deciso di stanziare l’ingente somma di 4 milioni di euro per una generale sistemazione e per l’ammodernamento delle reti colabrodo. Questa mattina a Vallo della Lucania la stipula dell’accordo tra i vertici delle banche e il presidente del Consac Gennaro Maione.

Intanto il Consac avverte che la situazione è destinata ad aggravarsi con l’aumento delle temperature e l’incremento dei flussi turistici. L’auspicio è che i cittadini prendano sempre più coscienza del problema con una conseguente riduzione degli sprechi, e l’adozione di comportamenti parsimoniosi nell’uso della risorsa idropotabile.

Lascia un Commento