Usura ed estorsioni: due arresti ad Eboli

Usura ed estorsioni ai danni di un imprenditore della Piana del Sele. Con queste pesanti accuse due uomini di Eboli, di 46 e 44 anni, sono stati arrestati questa mattina dai carabinieri del Ros di Salerno, nell’ambito di un’indagine avviata in seguito alla denuncia della vittima, con il supporto da un’associazione antiusura e antiracket.

Il 44enne era già coinvolto nella più ampia attività di indagine denominata 'Rete' condotta nel mese di gennaio scorso sempre dal Ros con il coordinamento della procura distrettuale antimafia di Salerno. Allora aveva permesso di smantellare due pericolose organizzazioni criminali operanti nella Piana del Sele finalizzate all'usura, estorsione, riciclaggio e reimpiego di denaro, nonché all'esercizio abusivo dell'attività finanziaria.

I due ebolitani arrestati oggi, in più circostanze – secondo quanto riferito dal procuratore capo, Corrado Lembo – sfruttando il momento di difficoltà economica dell'imprenditore, avrebbero concesso denaro con interessi usurai.

Nel momento in cui l’imprenditore non era riuscito a saldare il suo debito, con violenze e minacce, uno dei due arrestati, il 44enne, avrebbe preteso in cambio il trattore, trattenendo i documenti di circolazione e facendosi aiutare dal complice mentre si trovava agli arresti domiciliari. 

Lascia un Commento