Uranio impoverito, risarcimento a famiglia di una vittima. Intervista a Leggiero dell’Osservatorio

La Corte d’Appello di Roma ha condannato il Ministero della Difesa a risarcire con oltre 1 milione e mezzo di euro la famiglia del caporalmaggiore Salvatore Vacca, morto di leucemia il 9 settembre 1999

Il militare, originario della Sicilia,  faceva parte della brigata Garibaldi e stava svolgendo il servizio militare a Persano.

Contrasse la malattia durante una missione in Bosnia, dove svolgeva il ruolo di pilota di mezze cingolati blindati (tra il 1998 e il 1999).

Si tratta, spiega Domenico Leggiero dell’Osservatorio Militare, “di una sentenza storica, perché conferma la consapevolezza del ministero del pericolo a cui andavano incontro i militari in missione in quelle zone e sono sicuro che giovedì prossimo in audizione alla Commissione uranio il ministro della Difesa Roberta Pinotti terrà conto di questa decisione”. 

 

Riascolta l'intervista a Domenico Leggiero QUI

Leggiero su uranio impoverito

Lascia un Commento