Uranio impoverito, morte Attianese. La moglie “Stato assente. Non ho bisogno della pietà di nessuno”

Non riesce a darsi pace Maria Forino, moglie di Antonio Attianese, il caporal maggiore salernitano di 38 anni morto sabato scorso dopo essersi ammalato in missione in Afghanistan per esposizione all’uranio impoverito.

Attianese più volte aveva denunciato la sua situazione e più volte era stato ascoltato dalla Commissione parlamentare d’inchiesta sull’uranio impoverito cui confessò di non essere mai stato informato sulla pericolosità dell’esposizione all’uranio impoverito.  

Oggi la moglie di Attianese non perdona chi avrebbe potuto fare qualcosa e manifesta troppo tardi la propria solidarietà.

“Hai lavorato duramente per far sì che la nostra famiglia stesse bene e hai lottato fino alla fine per mantenerla unita. Ti amerò per sempre” così ha detto Maria Forino.

Presso l’abitazione di Attianese è stata recapitata dallo Stato maggiore dell’Esercito una corona di fiori che però la moglie ha respinto al mittente. “Non ho bisogno della pietà di nessuno questo pensiero non potrà mai compensare 13 anni di assurdo silenzio da parte dello Stato” queste le dure parole pronunciate dalla donna.

Lascia un Commento