Un’opera per ricordare le 26 vittime nigeriane sbarcate lo scorso anno a Salerno. L’intervista

Questa mattina, a Salerno, nei giardini di via Scillato, nei pressi del Forte La Carnale, si è svolta la cerimonia in ricordo delle 26 donne nigeriane sbarcate lo scorso anno al porto di Salerno senza vita.

Nel corso della cerimonia, dal titolo “Nessuna violenza”, è stata collocata l’opera Donne spezzate XXVI dell’artista Stefania Spanedda, dedicata al ricordo delle 26 ragazze.

Presente, tra gli altri, il sindaco di Salerno, Vincenzo Napoli, assessori e consiglieri comunali, i rappresentanti della Scuola Giovanni XIII di Salerno, insieme all’artista, che sentiamo al microfono di Barbara Albero

Spanedda e Napoli

Lascia un Commento