Università, al via da domani i test. Si inizia con Medicina

Al via domani i test d’accesso ai corsi di laurea a numero chiuso per l’anno accademico 2018/2019. Il 4 settembre è la data fissata per il test di Medicina, quello che più di ogni altro registra un boom di iscrizioni, ma anche quello che miete più ‘vittime’: meno di uno su sei riuscirà a farcela.

Le domande per la prova oggi in Medicina e Odontoiatria sono 67mila.

Si prosegue dopodomani, 5 settembre, con Medicina Veterinaria; Architettura il 6 settembre; Professioni sanitarie, 12 settembre; Medicina e Chirurgia, Odontoiatria e Protesi Dentaria in lingua inglese il 13 settembre; Scienze della formazione primaria, 14 settembre; Professioni sanitarie, 26 ottobre. Anche quest’anno sono previsti 60 quesiti a cui i candidati dovranno rispondere in 100 minuti.

Quest’anno i posti disponibili sono 9.779 posti per Medicina, 1.096 posti per Odontoiatria, 759 per Veterinaria, 7.211 per Architettura. I candidati che hanno ultimato l’iscrizione ai test per l’ammissione ai corsi di laurea in Medicina e Odontoiatria, Architettura e Veterinaria sono 83.127.

Il trend generale di partecipazione al test è quasi stabile (+0,8%), mentre negli anni precedenti le domande erano aumentate fino 6% fra il 2016 e il 2015.

Se la data dei questionari per il test di accesso alla facoltà di Medicina è unica così come le regole per tutti i 67mila candidati, cambia però il costo dei test a seconda delle Università. Ogni ateneo, infatti, è libero di stabilire il ‘prezzo’. Secondo un’analisi effettuata da Skuola.net, si parte da una cifra quasi simbolica di 10 euro alla Bicocca di Milano e si arriva ai 100 euro da pagare alla ‘Vanvitelli’ di Napoli. Ci sono atenei che hanno tagliato notevolmente la tassa: è il caso di Salerno, dove si è passati dagli 80 euro dello scorso anno agli attuali 50 euro.

Lascia un Commento