Unisa, per la Cisl il personale tecnico-amministrativo è ridotto all’osso

Il personale tecnico amministrativo presso l’Ateneo di Salerno è ridotto all’osso ma i risultati del lavoro sono di rilievo”.

Lo sostiene la Cisl Università citando i dati che emergono dal rapporto del Ministero dell’Istruzione Università e Ricerca riferito all’anno 2015, dati che che evidenziano il forte squilibrio dell’Ateneo di Salerno rispetto a tutti gli atenei italiani per quanto riguarda l’esiguo numero di unità di personale tecnico-amministrativo, rapportato al numero di unità di personale docente e ricercatore e soprattutto al numero degli studenti iscritti ai vari corsi di laurea.

In particolare, sostengono dalla CISL Università di Salerno, si registra il penultimo posto (70°) dell’Ateneo salernitano nel rapporto tra personale tecnico amministrativo e personale docente e ricercatore.

Situazione non migliore se si considera il rapporto tra personale tecnico-amministrativo e numero di studenti (68° posto), con un miglioramento, passando al 59° nel rapporto tra personale docente e ricercatore e numero di studenti iscritti.

Nonostante tutto, l’Università degli Studi di Salerno è riuscita nell’ultimo decennio ad ottenere positivi risultati sia a livello nazionale che internazionale.

Lascia un Commento