Un’indagine dell’Espresso certifica la solidità della Banca Monte Pruno

Il settimanale l’Espresso, nel numero in edicola domenica 23 aprile 2017, ha pubblicato una interessante indagine sui rischi connessi alle banche locali: BCC, Casse di risparmio e popolari, comprese quelle che hanno modificato il loro status giuridico in società per azioni. Sono 377 banche che operano a diretto contatto con il territorio.

La società di ricerca e studi di Mediobanca R&S ha esaminato i loro bilanci a fine 2015. Il risultato è che sono solo 130 quelle che hanno ricevuto il Semaforo Verde. Fra loro la Banca Monte Pruno che quindi risulta essere tra le più solide d’Italia.

Il Semaforo Verde in provincia di Salerno è andato a sole altre due banche: la Bcc di Aquara e quella di Buccino. Sono 106 in Italia gli istituti che hanno ricevuto il Giallo e tutti gli altri il semaforo Rosso perché i loro stato di salute è ad alto rischio.

Il Verde alla Monte Pruno (rischio basso) è l’ulteriore conferma della solidità e della qualità dell’istituto già certificato in altre occasioni.
“Un positivo semaforo verde e l’autorevolezza della fonte confermano – si legge in una nota della Monte Pruno – il risultato della Banca presieduta da Anna Miscia e diretta da Michele Albanese”.

L’indagine ha preso in esame quattro indicatori di rilievo:
l’incidenza dei crediti deteriorati netti sul patrimonio netto tangibile della banca; l’incidenza delle sofferenze sullo stesso patrimonio netto; la svalutazione dei crediti deteriorati sui ricavi; il cost/income, cioè il rapporto tra costi operativi e ricavi, il principale indicatore di efficienza.

“Come sempre – hanno dichiarato il Presidente Miscia ed il Direttore Albanese – condividiamo questo importante risultato conseguito, volendo lanciare anche un bel messaggio ai nostri clienti ed al territorio, in quanto, è bello poter affermare di essere tra le Banche più solide d’Italia. In giro non tutte le BCC vivono momenti positivi, ma è soddisfacente sottolineare un’ulteriore evidenza positiva che dà ancora più lustro e valore alla nostra Banca ed alla nostra azione. È questa l’ennesima dimostrazione che il lavoro e la concretezza pagano, che non servono parole per dimostrare la propria forza, sono i numeri ed i fatti che mettono il timbro sulla capacità della nostra azienda di essere virtuosa e solida rispetto ad altre realtà che lo sono meno e tentano di volerlo affermare senza elementi tangibili”.

Un ottimo giudizio per la Monte Pruno che proprio di recente ha avviato una nuova, affascinante e difficile sfida, rappresentata dalla fusione per incorporazione della BCC di Fisciano.

Temi questi che saranno affrontati nell’evento annuale del primo maggio 2017, il Monte Pruno Day, in programma a Sassano. Sarà anche l’occasione che ratificherà l’adesione al Gruppo Bancario di Cassa Centrale Banca e l’ennesima Assemblea che andrà ad approvare un bilancio con numeri da record.

Lascia un Commento