Un 36enne di Napoli arrestato per truffa e furto aggravato

Un 36enne di Napoli, Gennaro D’Angelo, è stato arrestato con l’accusa di truffa e furto aggravato in danno di alcuni pensionati di Albanella e Capaccio. L’arresto è stato eseguito dai carabinieri della Compagnia di Agropoli, che hanno dato esecuzione all’ordinanza di applicazione della misura cautelare degli arresti domiciliari emessa dal Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale di Salerno. Il 36enne ha messo a segno cinque colpi, quattro a Capaccio Scalo ed uno a Matinella, ai danni di diverse persone. In pratica dopo aver studiato scrupolosamente le abitudini delle vittime, si presentava in maniera apparentemente occasionale presso le loro case, fingendosi un lontano parente. Poi si spacciava per un orafo, riferendo alle sue vittime di essere in possesso di un liquido miracoloso con il quale lucidava i gioielli. Si offriva quindi di eseguire una prova gratuita del prodotto e, dopo aver spruzzato la sostanza spray sui gioielli, li avvolgeva in un fazzoletto di carta riponendoli in un bicchiere di plastica, riferendo alle sue vittime di aspettare. Nel frattempo il ladro si dileguava, e solo in seguito le persone si rendevano conto di essere state derubate dei loro gioielli. 
Dopo la denuncia da parte delle vittime, i carabinieri hanno avviato le indagini, riuscendo ad individuare prima l’auto dell’uomo grazie ad alcuni sistemi di video sorveglianza presenti nella zona, poi risalendo alla sua identità, mostrando la sua foto alle vittime dei suoi raggiri.  

Lascia un Commento