Uccise nel sonno il connazionale ad Eboli, indiano condannato a 30 anni

Radio ALFA, LIVE • LOCAL • SOCIAL
Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo

E’ stato condannato a 30 anni di carcere il cittadino indiano accusato dell’omicidio di un connazionale, ad agosto del 2018 all’interno di un’azienda zootecnica in località Cioffi di Eboli, dove entrambi lavoravano.

Per Harmanded Singh la Procura di Salerno aveva chiesto l’ergastolo ma il Giudice dell’Udienza Preliminare, Ubaldo Perrotta, che lo ha giudicato con rito abbreviato, gli ha dato 30 di reclusione.

 

La vittima, Lakhvor Singh, di 28 anni, fu ucciso con decine di coltellate al torace e al collo. L’assassino ha sempre negato di essere stato lui a colpirlo.

Secondo la ricostruzione fatta dagli investigatori, l’omicidio avvenne dopo un litigio. La vittima aveva cercato di aggredire con una bottiglia rotta l’assassino: questi, dopo essere scappato, era tornato più tardi armato di coltello colpendo più volte il connazionale.

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Vipnet, la soluzione per internet e voip senza linea fissa

Lascia un Commento

Contattaci whatsapp