Turismo: aumentano le prenotazioni online

Sono stati circa 23 milioni gli italiani che nel primo semestre del 2013 hanno trascorso almeno una vacanza, circa 3 milioni in meno rispetto allo scorso anno, e hanno effettuato nel complesso 36,5 milioni di soggiorni, stabili rispetto al 2012. Secondo i dati diffusi dai maggiori esperti del settore, e in primis dall’Istituto nazionale ricerche turistiche (Isnart), hanno tenuto in particolare le destinazioni straniere, in aumento rispetto allo scorso anno.
Il bilancio del primo semestre 2013, evidenzia, da un lato che, è diminuito il numero degli italiani che hanno potuto permettersi un periodo di vacanza, dall’altro che, chi lo ha fatto, nella maggioranza dei casi ha prediletto delle destinazioni straniere. Non mancano quest’anno i turisti stranieri in Italia, una percentuale che sarebbe addirittura in ripresa rispetto allo scorso anno.

Facendo una valutazione sommaria del settore, la nostra penisola nonostante la crisi, ha conservato il suo “appeal”. Le motivazioni sono molteplici, ma di certo non va sottovalutata l’eccezionale poliedricità dell’offerta turistica. L’Italia, ancor oggi riesce a conservare un’immagine di “unicità” con caratteristiche attrattive per tutto l’anno solare. Mare, monti, laghi, città di cultura e di passione, gastronomia e prodotti tipici, elementi unici e irreplicabili accompagnati da un’agguerrita e variegata offerta di infrastrutture ricettive con un’accoglienza di qualità, come poche al mondo. Traino principale del turismo italiano sono certamente la cultura, l’arte e l’archeologia. Basti come esempio ricordare che la presenza di turisti a Roma è cresciuta, sia in termini di arrivi e presenze che di indotto economico. Dei quasi 30 milioni di turisti, oltre il 70% sono stranieri che continuano a scegliere Roma, città leader del turismo italiano per l’immortale fascino che continua ad esercitare ininterrottamente sui visitatori anche grazie a le sistemazioni offerte da Venere.com

Intanto, per le vacanze estive in bassa stagione e quindi a costi più contenuti, sono 6,1 milioni gli italiani che partiranno, il 18% in più rispetto allo stesso mese dello scorso anno quando a programmare una vacanza erano 5,1 milioni di persone. Rispetto allo scorso anno sono cambiati i numeri ma anche la modalità di ricerca e acquisto dei pacchetti turistici. Ad aiutare i turisti è la sempre maggior diffusione di internet, che attraverso motori di ricerca, con un click, sono in grado di trovare nel “mare” delle offerte una risposta personalizzata. Destinazione, esigenze, costi. E’ il turismo 2.0. Recenti studi hanno dimostrato che oltre il 44% dei turisti prenota la propria vacanza sul web riuscendo a reperire tutte le informazioni necessarie su una destinazione, comparare i prezzi dei servizi acquistando il prodotto che maggiormente rispetta le aspettative in termini di qualità/prezzo, leggendo le recensioni di chi è già stato in una determinata destinazione nei blog, guardando foto e video, generando così un particolare marketing del passaparola.

Prezzi competitivi e offerte speciali anche per prenotare delle ottime vacanze con i saldi di fine estate. Sono diversi i siti che offrono questa possibilità. Per chi è alla ricerca di un suggerimento su mete e alberghi, un aiuto è sicuramente fornito dai siti istituzionali del turismo in Italia, www.italia.it delle sue regioni www.regioni.it o delle maggiori città d’arte, come Roma, www.comune.roma.it

Lascia un Commento