Truffa sull’ossigeno medicale, indagine della Procura di Nocera Inferiore

Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo
Radio ALFA, LIVE • LOCAL • SOCIAL

In alcune bombole dell’ossigeno che sono a bordo delle ambulanze del 118 invece di utilizzare l’ossigeno medicale si carica quello di tipo industriale. E’ stata aperta un’inchiesta dalla Procura di Nocera Inferiore di cui parla il quotidiano La Città.

Al momento la magistratura ha disposto il sequestro di alcune bombole che non sarebbero state riempite secondo le modalità previste dai protocolli sanitari e soprattutto presso un’azienda non autorizzata. I presidi sanitari sono stati trovati all’interno di una ditta e ad essa affidate pare da alcune associazioni che effettuano il servizio di trasporto infermi per conto del 118. Il sequestro è stato eseguito dai carabinieri del Nas di Salerno a Cava de’ Tirreni. 

 

La presunta truffa sarebbe stata realizzata noleggiando bombole di ossigeno da un’azienda autorizzata e quindi corredata di tutta la documentazione necessaria, ma non fatte ricaricare dal noleggiatore, ma da un’altra ditta che le avrebbe riempite di ossigeno industriale ad un costo inferiore, anche dai 10 ai 15 euro per ognuna.

Una quindicina al momento le bombole sequestrate all’interno dell’azienda cavese.

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Vipnet, la soluzione per internet e voip senza linea fissa

Lascia un Commento

Contattaci whatsapp