Trovata a Ravello la prima pittura di Leonardo del 1471

L’immagine di un Arcangelo Gabriele dipinta su una piastrella in terracotta invetriata quadrata scoperta a Ravello sarebbe la più antica opera pittorica di Leonardo Da Vinci, prima firma autografa del maestro della Gioconda e suo primo autoritratto, datato 1471.

A sostenere la scoperta, mostrando alla Stampa estera la piccola maiolica 20 x 20 intitolata ”L’arcangelo Gabriele, pittura d’Eterna vernice”, sono lo studioso Ernesto Solari e la consulente grafologa Ivana Rosa Bonfantino, già professore di grafologia comparata all’Università Lumsa di Roma.

Un’indagine da 6mila documenti e tre anni di studio – racconta Solari – non priva di misteri da sciogliere, che parte dagli eredi dei nobili Fenicia di Ravello, oggi proprietari dell’opera. Leonardo l’avrebbe realizzata quando era un 19enne appena uscito dalla bottega del Verrocchio e cresciuto nella fornace del nonno a Bacchereto. Secondo un documento d’archivio “non più disponibile ma di cui si ha conoscenza”, la piastrella sarebbe stata donata ai Fenicia di Ravello da Giovanna d’Aragona nel 1499 “per servigi resi”, comparendo poi in un lascito testamentario dell’800. ”Bellissima già solo a guardarla”, dice Solari, la piastrella ”è stata analizzata da tre laboratori diversi”.

Una copia dell’opera da domani sarà al Museo da Vinci Experience di Roma insieme alla macchina per quadrelle del Maestro.

Lascia un Commento