Tratta essere umani e ombre su primarie Pd ad Eboli, il commento di Nicola Landolfi (AUDIO)

C’è un ex funzionario del Comune di Eboli, 67enne, fra le 9 persone coinvolte nell’inchiesta della Procura distrettuale antimafia di Salerno che ha sgominato un’organizzazione di rumeni e italiani che avevano ridotto in schiavitù delle donne rumene che arrivavano in provincia di Salerno con l’illusione di trovare un lavoro nelle aziende della Piana del Sele.

In particolare l’ex dipendente del Comune di Eboli, secondo gli investigatori, avrebbe facilitato le pratiche burocratiche per il rilascio dei documenti d'identità, dei codici fiscali e delle tessere sanitarie destinate alle lavoratrici rumene in cambio del voto alla primarie del dicembre 2013 quando fu eletto Renzi e del febbraio 2014 quando fu scelta la segretaria regionale del Pd in Campania, Tartaglione.

Indagini che potrebbero gettare delle ombre sul voto delle primarie ad Eboli come ha detto ieri la senatrice salernitana del Pd, Angelica Saggese

A Radio Alfa ne abbiamo parlato in mattinata con il segretario provinciale del Pd, Nicola Landolfi.

Ascolta qui…

Nicola Landolfi

Lascia un Commento