Trasporto pubblico locale in Campania, novità da giovedì 9 luglio. Si potranno occupare tutti i posti

Radio ALFA, LIVE • LOCAL • SOCIAL
Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo

Scatterà da dopodomani, giovedì 9 luglio, il nuovo sistema di gestione del trasporto pubblico locale regionale che interesserà autobus e treni in Campania.

Sui mezzi pubblici regionali e locali si potranno occupare tutti i posti a sedere e non ci saranno più sedute alternate, come era stato stabilito invece per la Fase 2, anche se la distanza dovrà esserci ancora in stazioni, fermate e nelle aree di servizio. Resta ancora in vigore per i passeggeri l’obbligo di indossare le mascherine all’interno dei mezzi pubblici e di igienizzarsi le mani o usare i guanti. Le nuove disposizioni sono contenute nell’ordinanza numero 60 della Regione Campania che indica gli aggiornamenti delle linee guida per il settore del trasporto pubblico. 

 

La decisione è stata presa valutando l’attuale situazione epidemiologica del coronavirus in Campania e si basa sul presupposto che, con la ripresa delle attività economiche, la riapertura degli uffici e la ripresa dell’attività turistica, ci sarà un incremento della domanda di utilizzo del servizio di trasporto pubblico locale. 

Le nuove linee guida saranno applicate al trasporto pubblico regionale e locale di linea ferroviario, metropolitano, automobilistico, tramviario e costiero e al trasporto pubblico non di linea e ai servizi autorizzati (come taxi, noleggio con conducente, autobus turistici, inclusi servizi atipici e noleggio con e senza conducente).

Sui mezzi del trasporto pubblico, si legge nell’ordinanza, deve essere garantita una adeguata informazione, con divieto di utilizzo per chi presenta sintomi di infezioni respiratorie acute; i percorsi di entrata e uscita devono essere separati e nelle stazioni, alle fermate e in tutte le aree di servizio si deve mantenere il distanziamento di almeno un metro; il ricambio d’aria deve essere assicurato e, in caso di locali climatizzati, si deve escludere la funzione di ricircolo dell’aria; le superfici vanno igienizzate con frequenza.

È consentita, per tutti i mezzi, nessuno escluso l’occupazione del 100% dei posti seduti complessivi, per i quali il mezzo è omologato, in deroga all’obbligo di distanziamento interpersonale di almeno 1 metro.

L’ordinanza regionale ha recepito la richiesta raccolta dalle associazioni di categoria delle aziende di trasporto pubbliche e private, che in una nota del 29 giugno scorso, avevano sottolineato ai vertici regionali le enormi difficoltà economiche con cui si continuava a lavorare con posti dimezzati e quindi introiti dimezzati e parallelo raddoppio delle corse – e dei costi – per evitare che i pendolari restassero a piedi senza poter mettere salire sul bus per raggiungere il proprio posto lavoro. 

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Vipnet, la soluzione per internet e voip senza linea fissa

Una risposta

  1. Rocco Panetta 07/07/2020

Lascia un Commento

Contattaci whatsapp