Trasferito nel museo di Bacoli il vagone ferroviario che trasportava gli Ebrei da Salerno ad Auschwitz. La proposta di Eduardo Scotti

Super Fibra 1000 Mega Open Fiber

Il vagone ferroviario del treno che trasportava gli Ebrei italiani alle camere a gas di Auschwitz Birkenau è andato via da Salerno.

 

Malandato, ridotto a pezzi, il vagone sarà restaurato e diventerà il punto di riferimento del Museo della Shoah in allestimento nel Parco del Lago del Fusaro a Bacoli. Così ha voluto e ottenuto il sindaco di Bacoli. Il vagone ha lasciato il centro di formazione della Regione in via Clark nell’indifferenza generale.

La Comunità ebraica lo aveva affidato al Museo dello Sbarco ed era stato visitato fra il 2013 e il 2016 da migliaia di studenti, con performance di Moni Ovadia, del Coro del San Carlo di Napoli, del Conservatorio Martucci, dei Platters, di Rick Wakeman, di Bianca Menna, Andrea Carraro. Il compianto Peppe Natella provvedeva alla cura del vagone. Negli ultimi anni il carro merci è caduto a pezzi.

Eduardo Scotti a Radio Alfa lancia una proposta-provocazione ascolta
Eduardo Scotti su proposta vagone Salerno
Il file audio (podcast) di questa notizia scadrà dopo 30 giorni dalla data di pubblicazione.

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Super Fibra 1000 Mega Open Fiber

Lascia un Commento