Tragedia Rigopiano, Alessio Feniello violò sigilli. A processo a Pescara

Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo
Radio ALFA, LIVE • LOCAL • SOCIAL

Va a processo Alessio Feniello, 57 anni, di Valva, padre di Stefano il giovane morto con altre 28 persone nella tragedia dell’Hotel Rigopiano di Farindola, in Abruzzo, il 18 gennaio 2017.

Ieri, il gip del Tribunale di Pescara, Elio Bongrazio, ha disposto nei confronti di Feniello il giudizio immediato, dopo che Alessio aveva presentato opposizione al decreto di condanna, tramite il quale gli era stata inflitta una multa da 4.550 euro per avere violato, il 21 maggio 2018, i sigilli giudiziari apposti per delimitare l’area nella quale si trovavano le macerie del resort. Alessio con la moglie era andato sul posto per deporre dei fiori in memoria del figlio Stefano.

 

Il processo, davanti al tribunale monocratico di Pescara, si terrà il prossimo 26 settembre. È lo stesso Feniello a darne notizia tramite un post su Facebook. “Ho sempre sostenuto – ha scritto nel post – che avrei affrontato il processo”.

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Vipnet, la soluzione per internet e voip senza linea fissa

Lascia un Commento

Contattaci whatsapp