Tragedia familiare a Laviano, l’uomo era stato già condannato per maltrattamenti

Aveva subito una condanna ad un anno di reclusione per maltrattamenti nel 2011, l’anziano di 82 anni che ieri a Laviano ha ucciso la moglie di 75 anni strangolandola dopo un litigio scoppiato nella loro abitazione. Era stata proprio la donna Elda Penta a denunciarlo in passato.

A scoprire il cadavere ieri, la figlia della coppia che, insospettitasi e preoccupata per il silenzio dei genitori, si era recata nella loro casa, scoprendo così il cadavere della mamma in cucina. La figlia, trentenne che vive anche lei a Laviano, ha avvisato i carabinieri della locale stazione che sono intervenuti insieme ai colleghi della compagnia di Eboli. Sono stati i militari a rintracciare l'uomo, nascosto in uno scantinato in evidente stato confusionale.

Sgomento nella comunità che conosceva la coppia. 

Lascia un Commento