Tragedia del mare a Palinuro, morti tre sub

Ancora una tragedia a Palinuro, frazione del comune di Centola.

Sono stati infatti individuati ma al momento ancora non recuperati, i corpi senza vita dei tre sub che questa mattina erano usciti per un’immersione, intorno alle 10.00, in località Ribatto nei pressi di Cala Fetente assieme ad altri 9 sub esperti.

La riemersione era prevista alle 11.30 ma tre dei 12 non sono più riemersi. I loro corpi sono stati individuati nella grotta della Scaletta soltanto nel primo pomeriggio.

A perdere la vita due sub del posto. Si tratta di Mauro Tancredi e Mauro Cammardella, quest’ultimo titolare dell'agenzia di immersione "Mauro Sub". La terza vittima è un sub di origini milanesi, il 45enne Silvio Anzola.

La grotta in cui sono stati individuati i corpi senza vita dei tre sub solitamente non è meta di immersioni in quanto profonda 45 metri. Secondo quanto conferma la Capitaneria di Porto, essendo il punto molto profondo, sta arrivando sul posto un nucleo di speleologi del vigili del fuoco da Roma per recuperare i corpi.

Sul posto anche il pm Palumbo del Tribunale di Vallo della Lucania con Carmelo Stanziola, sindaco di Centola, insieme a familiari e amici dei tre sub. 

Una delle tre vittime, Mauro Cammardella, era solito immergersi tutti i giorni, anche nei periodi più freddi. Appena pochi giorni fa, lo scorso 16 agosto, Cammardella aveva accompagnato la figlia del sub milanese Anzola nel suo "battesimo subacqueo'.

Una tragedia che riporta alla mente quella del 2012 quando proprio a Palinuro morirono quattro persone durante un’immersione.

Lascia un Commento