Traffico di reperti archeologici dall’Egitto, due anni fa operazione al porto di Salerno. Chiuse le indagini

Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo
Radio ALFA, LIVE • LOCAL • SOCIAL

Due anni dopo il sequestro, avvenuto al porto di Salerno, di circa 23mila monete antiche e 195 reperti archeologici a bordo di una nave proveniente da Alessandria d’Egitto, tra cui maschere funerarie in oro, diverse anfore e un sarcofago, gli inquirenti hanno chiuso le indagini su un vasto traffico di reperti archeologici verso l’Italia.

Il procuratore generale egiziano, Ahmed Sadek, ha emesso un ordine di arresto internazionale per l’ex console onorario d’Italia a Luxor. Nell’ambito della stessa inchiesta sono stati arrestati alcuni funzionari egiziani ed è stata perquisita l’abitazione al Cairo del vecchio console.

I reperti provengono da scavi clandestini in una regione a 250 chilometri a sud del Cairo, dove sono situate catacombe risalenti tra il 664 e il 332 avanti Cristo. 

 

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Vipnet, la soluzione per internet e voip senza linea fissa

Lascia un Commento

Contattaci whatsapp