Torre Orsaia – Denunciato il cacciatore che avrebbe ucciso accidentalmente D’Adamo

Si chiude il cerchio sul responsabile del colpo mortale nei confronti di José Antonio D’Adamo, il quarantaseienne di Castel Ruggero – frazione di Torre Orsaia – ucciso accidentalmente giovedì scorso nei boschi di località Casalino da una pallottola calibro 12 sparata dal fucile di un quarantenne del posto facente parte dello stesso gruppo di D’Adamo, uscito nei boschi del comune torrese per una battuta di caccia al cinghiale. I carabinieri delle stazioni di Torre Orsaia e Casaletto Spartano, coordinati dai colleghi di Sapri, hanno denunciato in stato di libertà un uomo, che era molto amico della vittima e che ora dovrà rispondere dell’accusa di omicidio colposo davanti ai giudici del tribunale di Vallo della Lucania. Intanto è stata spostata a mercoledì, nella sala mortuaria dell'ospedale San Luca di Vallo della Lucania, l’autopsia sul cadavere di D’Adamo, ma con ogni probabilità non verrà utilizzato il sistema della tomografia assiale computerizzata tridimensionale, bensì un semplice esame autoptico.

Lascia un Commento