Terapia genica per la leucemia, nell’equipe del Bambino Gesù anche un ricercatore salernitano

C’è anche un ricercatore salernitano, nell’equipe del Bambino Gesù, l’Ospedale pediatrico romano che ha trattato con la terapia genica un bambino di 4 anni affetto da leucemia linfoblastica acuta.

E’ il primo caso in Italia.

Il ricercatore è Biagio De Angelis, originario di Roccagloriosa, che dopo la laurea all’Università Federico II di Napoli ha iniziato le sue ricerche.

La terapia genica contro i tumori è una realtà concreta anche in Italia e anche per i pazienti più piccoli. Manipolare geneticamente le cellule del sistema immunitario per renderle capaci di riconoscere e attaccare il cancro è il lavoro che hanno fatto i medici e i ricercatori del Bambino Gesù di Roma.

Il bimbo di 4 anni è il primo paziente italiano curato con questo approccio rivoluzionario all’interno di uno studio accademico, promosso da ministero della Salute, Regione Lazio e Associazione italiana ricerca contro il cancro (Airc). A un mese dal trattamento, il piccolo sta bene ed è stato dimesso.

Lascia un Commento