Teggiano: Migranti, lezioni di italiano della Caritas ai minori non accompagnati

Altri 25 minori non accompagnati, giunti lunedì scorso a Salerno con l’ultimo sbarco, sono stati accolti dalla Caritas diocesana di Teggiano-Policastro. I ragazzi ospiti hanno tra i 15 e i 17 anni d’età e provengono da Eritrea, Gambia, Bangladesh, Nigeria, Senegal e dal Mali. Sono ora ospiti delle strutture Caritas di Padula e di Montesano sulla Marcellana.

Nei prossimi giorni questi ragazzi potranno seguire le lezioni per l’apprendimento della lingua italiana. In questo modo si ripropone sul territorio l’esperienza di accoglienza dei minori stranieri non accompagnati. Una sfida già intrapresa nel 2011, in piena emergenza nordAfrica quando pure furono accolti 25 minori poi inseriti in contesti socio-lavorativi.

Anche in occasione dell’ultimo sbarco dei 1044 migranti giunti a Salerno con la Fregata Fasan, la Caritas diocesana di Teggiano-Policastro ha partecipato alle operazioni di prima accoglienza, finora sei operazioni tra il Porto di Salerno e di Napoli, offrendo poi la propria disponibilità di posti in accoglienza anche in occasione degli sbarchi avvenuti in altri porti del sud Italia.

"In un momento di emergenza come questo- dice don Vincenzo Federico direttore della Caritas (nella foto) – occorre accantonare sterili polemiche: avere ben presenti tutte le difficoltà che pure esistono nel tenere i piedi la macchina dell’accoglienza ma non anteporle all’impegno umano e cristiano davanti a cui questa drammatica e complessa vicenda ci pone".

Lascia un Commento