Teggiano, “Alla Tavola della Principessa Costanza”. Il programma completo dall’11 al 13 agosto

Trombonieri, giocolieri, mangiafuoco, danzatrici, menestrelli e saltimbanchi: oltre 600 figuranti sono pronti a far rivivere il Medioevo a Teggiano, dove per tre giorni, da domani 11 a martedì 13 agosto, va in scena “Alla tavola della Principessa Costanza”.

La kermesse medievale, giunta alla sua 26esima edizione, ogni anni richiama nel borgo antico teggianese oltre 50mila persone provenienti da tutta Italia e dall’Estero.

Le festa, organizzata dalla Pro Loco di Teggiano per la regia di Enzo D’Arco, propone, a partire dalle ore 17.00, un sontuoso corteo storico composto da 600 figuranti in abiti d’epoca che attraversa le viuzze del centro storico lungo un affascinante percorso in cui ci si imbatte in mercatini medievali e botteghe di antichi mestieri.

In caratteristiche taverne, poi, vengono riproposte pietanze di un tempo.

I turisti possono, inoltre, visitare ben 13 chiese di architettura medievale ed i cinque musei presenti nel centro storico teggianese.

Durante i tre giorni della festa medievale, vengono utilizzate per acquisti vari le monete di un tempo: Coronati, Ducati, Tarì e Tornesi distribuite al Banco di Cambio.

Al termine di ogni serata, dopo la mezzanotte, è in programma lo spettacolo finale con l’assalto al castello, a cura della SCABEC (Società Campana Beni Culturali), ovvero una simulazione di un attacco alle mura del castello Macchiaroli con un insieme di luci, fuochi d’artificio e musiche sincronizzate.

Alla Tavola della Principessa, giunta alla sua ventiseiesima edizione, rievoca i festeggiamenti che lo Stato di Diano riservò nel 1480 ad Antonello Sanseverino, Principe di Salerno e Signore di Diano, ed alla sua sposa Costanza, figlia di Federico da Montefeltro, in visita, appunto, presso l’antico feudo.

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su Facebook e Twitter.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Lascia un Commento