Svolta inchiesta ‘Chinatown’ sui bambini cinesi in affido a famiglie salernitane in cambio di denaro

Ad una prima svolta giudiziaria l’inchiesta denominata “Chinatown”, coordinata dalla Procura di Nocera Inferiore su un traffico di bambini cinesi affidati dai propri genitori a famiglie salernitane, residenti fra Sarno e San Valentino Torio, in cambio di denaro.

In una tranche dell’inchiesta sono indagate 12 persone fra italiani e cinesi per le quali, come riferisce oggi il quotidiano la Città, il Giudice delle Indagini Preliminari il prossimo 29 aprile dovrà decidere sugli affidi temporanei di minori.

La Procura aveva chiesto precedentemente l’archiviazione, con pochi elementi per il giudizio. Stando all’impianto accusatorio, l’organizzazione dava in affidamento bambini cinesi appena nati a famiglie italiane dietro pagamento di 500 euro. L’indagine era stata ricostruita con colloqui telefonici che indicavano le modalità e i solleciti per affidare i minori, con indicazioni di età, accordi e richieste sulle visite mediche, compresi i pagamenti delle spese.

Lascia un Commento