Superbonus, lo Stato ha fatto cassa. Lo dicono i dati Cresme analizzati da Federcepicostruzioni

Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo
Eventi e appuntamenti a Salerno e provincia

A guadagnare più di tutti col Superbonus non sono state le imprese di costruzioni, ma lo Stato. È quanto emerge dai dati di uno studio dell’istituto di ricerche Cresme.

La quota maggiore degli introiti non è stata affatto per il settore edilizia, come più volte si è sostenuto, ma per le casse del fisco. Come ribadisce Federcepicostruzioni.  

Fasano Corp. S.r.l. Teggiano

Le aziende hanno beneficiato solo per il 21,8% dei totali 97 miliardi di euro di erogazioni in incentivi. Per la restante quota ci sono: il settore servizi con il 26%, diviso tra progettazione e consulenze di varia natura, tra cui sono incluse anche le banche e gli intermediari finanziari. Infine, il 12% circa all’industria manufatturiera che ha fornito i materiali. 

La percentuale più alta, del 34%, è rientrata allo Stato sotto forma di tasse: Iva, Ires e Irpef dei lavoratori.
Una percentuale consistente che collima con la stima dell’Ufficio Studi di Federcepicostruzioni e del Consiglio nazionale dei commercialisti.

“Qualche riserva sui dati Cresme – commenta il presidente nazionale di Federcepicostruzioni, Antonio Lombardi – non in linea con i nostri studi, la percentuale indicata relativa ai costi di monetizzazione praticati dalle banche e dagli intermediari finanziari che stando alle nostre rilevazioni incide dal 25 al 30%: siamo fuori da ogni logica e da ogni regola di mercato.

 

Ancora una volta l’elaborazione dei dati macroeconomici sfata il mito che a beneficiare del Superbonus 110% siano state soltanto le imprese di costruzioni”.

“Auspichiamo ora un sollecito intervento affinché si conceda una proroga di almeno sei mesi – conclude il presidente Lombardi – che consenta il prosieguo e il completamento dei lavori già iniziati. Il termine di fine anno è assolutamente improponibile e, se non dovesse intervenire sollecitamente una proroga, le conseguenze potrebbero essere molto pesanti non solo per le imprese e le famiglie che hanno beneficiato del Superbonus ma anche per tutto il sistema economico”.

Unisciti gratis al canale WhatsApp e  di Radio Alfa, per ricevere le nostre notizie in tempo reale. Ci trovi anche su Google News.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookInstagram, X e YouTube.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Eventi e appuntamenti a Salerno e provincia
Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo

Lascia un Commento