Super ticket sanitario, incontro fra Stato e Regioni sul riparto dei Fondi

Verrà discusso oggi in un incontro tecnico fra Stato e Regioni il decreto di ripartizione del fondo da 60 milioni di euro annui da ripartire per il 2018-2020, secondo quanto previsto nell’ultima legge di bilancio per ridurre il peso del super ticket in sanità, quei 10 euro in più fissi di compartecipazione da pagare per le prestazioni specialistiche.

Ma la misura fa già discutere. Esprime preoccupazione, in particolare Cittadinanzattiva, spiegando che andrebbe a penalizzare il Sud, concentrando il 70% delle risorse nelle sole regioni Piemonte, Lombardia, Veneto, Emilia Romagna e Toscana, a sfavore di Abruzzo, Molise, Campania, Puglia, Calabria e Sicilia, che tutte insieme avrebbero a disposizione solo il 12,5% del Fondo.

Il decreto ripartisce il 90% del fondo attraverso un unico criterio spiega l’Associazione: il volume di ricette di specialistiche ambulatoriali.

“Chiediamo – spiega Tonino Aceti, coordinatore nazionale del Tribunale per i diritti del malato di Cittadinanzattiva – che il decreto sia modificato introducendo anche tra i criteri di riparto anche l’accessibilità dei servizi, il tasso di rinuncia alle cure, l’aspettativa di vita ed altri indicatori”.

Lascia un Commento