Statue sacre “lacrimano” sangue, un presunto caso a Montecorvino Rovella

E’ diventato virale sul web un video girato con uno smartphone che riprende la presunta lacrimazione di una statuina del Bambino Gesù.

Un fenomeno che avviene da qualche giorno e che ieri si sarebbe ripetuto a casa di Giulio Carmine Massa, a Montecorvino Rovella. L’uomo, sposato e padre di due figli di 15 e 10 anni, possiede due statuine di Gesù e della Madonna.

L’uomo, 47enne fruttivendolo di professione, con uno smartphone ha ripreso la scena del Bambinello, pubblicandola su YouTube e sul suo profilo Facebook.

Dal 2002 l’uomo documenta queste presunte lacrimazioni e essudazione di olio e sale dalle immagini in suo possesso. A Montecorvino Rovella tutti sostengono che sulle mani, coperte da guanti ginnici, ha delle piaghe dalle quali emana un intenso profumo. Massa è considerato da alcune persone un ‘carismatico’: folle di fedeli recitano con lui il Rosario e gruppi di preghiera seguono le sue “ammonizioni”.

Sulla vicenda la Chiesa è cauta, come sempre, in questi casi.

Giulio Carmine Massa, però, ha al fianco, nel suo particolare cammino spirituale anche un sacerdote molto stimato, l’esorcista padre Gennaro Lo Schiavo dell’Avvocatella, famoso santuario di Cava dei Tirreni.

Lascia un Commento