Spopolamento in Campania, ogni giorno 90 cittadini lasciano la Regione

Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo

Ogni giorno in Campania 90 cittadini lasciano la propria regione, per lavoro, studio o salute. Lo dicono i dati presentati ieri dall’indagine condotta dal sindacato Spi-Cgil sullo spopolamento in Campania.

“Per fermare questa migrazione – secondo lo stesso sindacato  – c’è bisogno di ridare ossigeno alle province campane e spezzare il napolicentrismo”. In questo senso la Regione ha presentato un progetto dedicato che dovrà essere finanziato con la programmazione 2021/2027, in grado di migliorare la qualità dei servizi essenziali come sanità, trasporto e scuola, che rappresentano i principali settori in cui si verifica l’emigrazione in Campania. 

Tra le aree più a rischio spopolamento ci sono: Alta Irpinia, Tammaro Titerno e Cilento.

Per avere una percezione chiara dell’andamento demografico del Cilento l’indagine ha fatto riferimento alla suddivisione del territorio cilentano in cinque differenti aree: Alto Cilento, Cilento Centrale, Basso Cilento, Valle del Calore e Alburni, Vallo di Diano. L’indagine prende come riferimento temporale il periodo 2001-2019. 

Emerge che in questo arco temporale la popolazione residente nel Cilento ha avuto un leggero incremento passando da 128.364 unità a 129.626, circa 1.300 in più. La tendenza però non risulta essere un dato omogeneo in quanto è riscontrabile esclusivamente tra la popolazione residente nell’Alto Cilento e nel Cilento Centrale; a fare da traino sono soprattutto le città costiere, significativo è il dato di Agropoli che fa registrare un incremento di 1.881 abitanti e Castellabate 1.489. Seguono Casal Velino (+738), Castelnuovo Cilento (+641) e Ascea (+502).

Ma nelle zone interne di queste due aree si riscontra la presenza di paesi con forti contrazioni demografiche. E’ il caso di Serramezzana che nell’intervallo di tempo considerato perde una quota consistente della sua popolazione passando da 403 a 300 abitanti, risultando uno dei borghi a più alto rischio di estinzione. A rischio spopolamento anche Rofrano che perde 696 unità, ma non stanno meglio Casaletto Spartano (-318 unità), Alfano (-308 unità), Torre Orsaia (-324 unità). Anche in questi paesi la consistente presenza di anziani sul totale della popolazione lascia prevedere una accelerazione dello spopolamento.

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

#IoRestoACasa

Ecco un video che spiega come fermare il contagio da #coronavirus

Vipnet, la soluzione per internet e voip senza linea fissa

Lascia un Commento

Contattaci whatsapp