Spari a Salerno. Gambizzato Vincenzo Ventura, nipote di Ciro D’Onofrio

Agguato ieri sera a Salerno in via Alfredo Capone, zona Irno, intorno alle 21.30. Colpito alle gambe, con quattro colpi di pistola, Vincenzo Ventura, nipote di Ciro d’Onofrio, il 35enne ucciso a Salerno due anni fa con due colpi di pistola.

Il presunto killer, Eugenio Siniscalchi, è in carcere da una decina di giorni. Ventura è stato soccorso e trasportato al Ruggi di Salerno dove non sembra essere in pericolo di vita. Sul posto le forze dell’ordine e la polizia Scientifica anche per cercare di risalire a chi abbia sparato i colpi.

Vincenzo Ventura e Carmine D’Onofrio, figlio di Ciro, erano stati fermati nei giorni scorsi e poi rilasciati con l’accusa di aver sparato contro l’auto di Gaetano Siniscalchi, il padre di Eugenio e Gennaro accusati entrambi dell’omicidio di Ciro D’Onofrio.

I due ragazzi dopo essere stati portati in carcere a Fuorni, erano stati rilasciati dal gip di Salerno Piero Indinnimeo per “assenza di gravi indizi di colpevolezza e di nessun riscontro oggettivo”.

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su Facebook e Twitter.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Lascia un Commento