“SM Covid 19” è la app creata da uno spin-off Unisa. Nel team anche un salernitano

Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo
Radio ALFA, LIVE • LOCAL • SOCIAL

Un’applicazione che consente di valutare il rischio di diffusione del Coronavirus. Si chiama “SM COVID 19” e l’ha creata il team di esperti della SoftMining di Avellino, una spin-off dell’Università di Salerno, coordinata dal professore Stefano Piotto.

Nello staff anche un giovane cilentano, il 34enne Luigi Di Biasi, di Santa Maria di Castellabate.

Come funziona? L’app, disponibile sia per iOS che per Android, acquisisce un ID univoco di tutti gli smartphone in prossimità di un utente e valuta la durata del contatto. Gli ospedali possono leggere i dati di rischio ed aggiornare lo stato di una persona (negativo o positivo al test). Se una persona risulta positiva al test, la percentuale di rischio di ogni altra persona con la quale questa sia venuta in contatto viene aggiornato automaticamente.

 

In poche parole, se una persona con la quale si ha avuto un contatto 4 giorni prima si rivela positiva, il rischio di contagio viene aggiornato sul proprio cellulare. In questo modo le autorità sanitarie avranno uno strumento importante per concentrare i test sulle persone che hanno realmente avuto contatti efficaci.

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Vipnet, la soluzione per internet e voip senza linea fissa

Lascia un Commento

Contattaci whatsapp