SGOMINATA BANDA DEL BANCOMAT – Operava anche nel salernitano

Dieci arresti sono stati eseguiti questa mattina nel Napoletano ad opera della Polizia e su disposizione del Gip del Tribunale di Potenza, nei confronti di presunti componenti di una banda specializzata nei furti di bancomat installati all’interno delle agenzie del Monte dei Paschi di Siena.
I furti di bancomat sono avvenuti nelle province di Salerno, Potenza, Frosinone, Pistoia e Ferrara. Le indagini dell’operazione, denominata "Beck fire",
Segno di fuoco, come la fiamma ossidrica usata per aprire i bancomat, sono cominciate nel mese di luglio del 2010 dopo un furto commesso a Potenza al Monte dei Paschi.
A
ttraverso alcune intercettazioni, la Polizia ha scoperto che la banda dei bancomat preparava i furti, tutti presso agenzie del Monte dei Paschi di Siena, come se fossero gare di calcio, utilizzando frasi e messaggi comprensibili anche per i famigliari delle persone arrestate. “La partita si gioca stasera” oppure “la partita è stata rinviata”, “non c’é, è andato a giocare”, alcune delle frasi in codice. Fino ad ora sono stati accertati 13 furti, tra il 2010 e il 2011, per oltre 500mila euro, ma gli investigatori stanno accertando se sia stata la stessa banda a compiere un’altra quarantina di "colpi" a bancomat in varie regioni italiane.

Lascia un Commento