Sequestrarono e violentarono una giovane prostituta nel 2014, condannati i due aguzzini

Sono stati condannati rispettivamente a 14 e a 7 anni di reclusione Giovanni Rispoli e Salvatore Marrone, i due aguzzini della giovane prostituta romena 23enne che la notte del 19 gennaio 2014 fu rapinata, sequestrata e violentata per un’intera notte.

I due indussero la ragazza a salire sulla loro auto, poi la obbligarono con la forza ad assumere una bevanda mescolata ad un sedativo, le coprirono il volto con un cappuccio, immobilizzandole mani e piedi con fascette in plastica e, dopo averle sottratto gli effetti personali ed il telefono cellulare, la condussero nell'abitazione di uno dei due uomini, dove, fu violentata per tutta la notte.

Il Pubblico Ministero aveva chiesto per entrambi gli imputati, un 63nne e un 56enne entrambi di Positano, una condanna ad otto anni di reclusione.

Ieri la stangata dei giudici. Il collegio della terza sezione penale del Tribunale di Salerno ha inflitto 14 anni di carcere a Giovanni Rispoli, e 7 anni a Salvatore Marrone, entrambi di Positano, finiti in manette nel gennaio 2014 con le accuse di sequestro di persona, rapina e violenza sessuale.

 

Lascia un Commento