Scuole, accordo Tpl su capienza mezzi 80%. Mascherina obbligatoria

Radio ALFA, LIVE • LOCAL • SOCIAL
Skill Alexa di Radio Alfa per dispositivi Amazon Echo

C’è l’accordo sul trasporto pubblico locale. Ieri sera, è stato sciolto il nodo Tpl. La Conferenza Unificata ha dato il via libera al nuovo piano che prevede l’aumento della capienza massima dei mezzi all’80%, aumentando i posti a sedere e una maggiore riduzione di quelli in piedi. Un limite che potrà essere superato, arrivando quasi al 100%, installando “separazioni removibili” tra i sedili. La capienza massima, inoltre, potrà essere raggiunta per i tragitti che non superino i 15 minuti. 

Sui mezzi bisognerà continuare ad indossare la mascherina e gli stessi dovranno essere forniti di dispenser per l’igienizzazione. Inoltre dovranno essere sanificati garantendo un ottimo ricambio d’aria. Il governo stanzierà nella legge di Bilancio 200 milioni di euro per le Regioni e 150 milioni per Comuni e Province per i servizi aggiuntivi di trasporto ritenuti indispensabili per l’avvio dell’anno scolastico. 

 

Ma la vera prova del nove del post-lockdown è in programma il 14 settembre, quando suonerà la prima campanella ufficiale per le scuole, ma non per tutte le Regioni. Campania e Basilicata sono orientate a far slittare la data di inizio delle lezioni, come già hanno fatto  Friuli, Sardegna, Puglia e Calabria e ieri anche l’Abruzzo che ha deciso l’apertura il 24 settembre. Da oggi, a distanza e in sicurezza, molti studenti tornano in aula per i corsi di recupero. In aula si starà senza mascherina, se ci sarà il distanziamento fisico, altrimenti bisognerà indossarla. Per questo molte scuole hanno organizzato le attività scolastiche anche in altre strutture, a volte anche in teatri o parrocchie che hanno messo a disposizione i propri locali. Alcune lezioni, come quelle di educazione fisica, si terranno mantenendo il distanziamento.

Durante l’ingresso e l’uscita da scuola, sarà obbligatorio indossare la mascherina, così come sarà obbligatoria negli spazi comuni. Ovviamente con la febbre oltre 37,5°, o con i sintomi del Covid, si resterà a casa e si procederà all’attivazione di tutte le misure per verificare la presenza del virus e fare l’eventuale tampone. La temperatura dovrà essere misurata a casa e non a scuola. 

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su FacebookTwitter e Instagram.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Vipnet, la soluzione per internet e voip senza linea fissa

Lascia un Commento

Contattaci whatsapp