Scuola, in media 950 euro a studente per l’acquisto di libri e corredo scolastico

Famiglie già alle prese in questi giorni con l’acquisto del corredo scolastico per i propri figli a pochi giorni dall’apertura del nuovo anno scolastico.

Aumentano, anche se di poco, 0,7% i costi.

Per comprare libri, astucci, penne e tutto il corredo ogni studente spenderà in media 950 euro. Il dato positivo per le famiglie è che quest’anno la spesa per libri e dizionari è inferiore di circa il 7%.

A fare i calcoli è l’Osservatorio Nazionale di Federconsumatori.

La spesa per il corredo scolastico passerà dai 518 euro dello scorso anno ai 522 euro di quest’anno. Ad aumentare maggiormente sono i diari e gli zaini. Ma particolarmente gravosi, come sempre, risultano i costi per i libri di testo, nonostante sia stata rilevata una flessione rispetto allo scorso anno. Quest’anno mediamente per i libri più due dizionari si spenderanno 462 euro per ogni studente.

Le spese sono particolarmente alte per gli alunni delle classi prime.

Nel dettaglio: uno studente di prima media spenderà mediamente per i libri di testo più due dizionari 429 euro, il 7% in meno. A tali spese vanno aggiunti 522 euro per il corredo scolastico e i ricambi durante l’intero anno, per un totale di 951 euro.

Un ragazzo di primo liceo spenderà per i libri di testo più 4 dizionari 688 euro (il -9% rispetto allo scorso anno), più 522 euro per il corredo scolastico ed i ricambi, per un totale di ben 1.210 euro. Cifre di questa portata, sottolinea l’associazione, risultano proibitive per molte famiglie e non sono rari, purtroppo, i casi di ragazzi costretti a rinunciare agli studi superiori per motivi economici. E’ quindi evidente la necessità di potenziare le agevolazioni per l’acquisto dei testi scolastici destinate alle famiglie meno abbienti.

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su Facebook e Twitter.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Lascia un Commento