Scuola: dalla Campania petizione per chiedere fondi al ministero

L’assessore all’Istruzione della Regione Campania Lucia Fortini questa mattina ha sottoscritto e lanciato quale prima firmataria una petizione attraverso il sito Change.org per avanzare al Ministro dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Marco Bussetti tre richieste: il potenziamento degli organici per l’ampliamento delle sezioni a tempo pieno, il rafforzamento del personale docente per alcuni degli indirizzi più attrattivi come quello musicale e quello sportivo alla secondaria di primo grado e investimenti sull’edilizia scolastica che rendano gli edifici più sicuri.

Lo rende noto la Regione Campania, sottolineando che il presidente della Regione Vincenzo De Luca porterà anche questa petizione e i suoi contenuti all’attenzione del Ministero delle Autonomie, nell’incontro in programma giovedì 7 marzo, considerando la difesa della scuola, minacciata da inaccettabili differenziazioni regionali, elemento irrinunciabile e costituente dell’unità del Paese. La lettera, che raccoglie le istanze di professori, dirigenti, operatori della Scuola, è aperta alla condivisione di tutti. E’ possibile consultarla e sottoscriverla all’indirizzo webhttp://chng.it/VVC5PzTtCG. Nelle scorse settimane aveva sollevato molte polemiche la visita del ministro Bussetti in provincia di Napoli, in particolare ad Afragola, dove, ai cronisti che gli chiedevano se fossero previste maggiori risorse per le scuole del Sud, il ministro aveva risposto che “quello che serve non sono fondi ma impegno, lavoro e sacrificio”. A quelle polemiche il ministro aveva risposto sui social network scrivendo che “un video decontestualizzato che sta girando sul web viene usato per rappresentare un Ministro ostile al Mezzogiorno, alle sue donne e ai suoi uomini. E io non lo sono. Sarebbe ridicolo pensarlo”. 

 

Sei su Telegram? Per ricevere le notizie in tempo reale è possibile unirsi gratis al canale Telegram di Radio Alfa.
Se trovi interessante questo articolo, condividilo sui tuoi social e segui Radio Alfa anche su Facebook e Twitter.
Non esitare a lasciare un tuo commento ai nostri articoli.

Lascia un Commento