Scout speed sull’auto della Polizia Municipale è regolare, lo chiarisce il Ministero dell’Interno

Nessuna irregolarità nell’utilizzo dello Scout Speed installato sulle auto della Polizia Municipale per il controllo della velocità, come segnalato nei mesi scorsi da alcuni studi legali e associazioni di consumatori.

A chiarirlo il Ministero dell’Interno attraverso una nota del Dipartimento della Pubblica Sicurezza.

Lo strumento mobile per il controllo elettronico della velocità, attivo nei Comuni di Agropoli, Albanella e San Cipriano Picentino era finito al centro di polemiche poiché, secondo le accuse, era montato su un’auto sulla quale non era ben visibile l’insegna “Polizia Municipale”.

Nella nota il Ministero chiarisce però che “disposizioni sulla segnalazione e visibilità della postazione di controllo non si applicano ai dispositivi di rilevamento della velocità mobili, installati a bordo dei veicoli, per la misura della velocità in modalità dinamica”.

Nessuno illecito, dunque, nell’utilizzo dello scout speed che potrà continuare a funzionare.

Lascia un Commento