Scoperta a Paestum, la collinetta sottostante il Tempio di Athena era stata rialzata artificialmente

Tempio di Athena Paestum

L‘area archeologica di Paestum è in pianura, ma i templi sono in gran parte edificati su collinette. Una circostanza che ha spinto gli studiosi dell’Università di Colgate (USA), in collaborazione con l’Università di Bologna, ad effettuare una campagna di rilievi e prospezioni georadar e geomagnetiche eseguiti sul terreno intorno al tempio di Athena.

I risultati sono sorprendenti. La piccola collinetta sulla quale sorge l’edifico dorico dedicato alla dea della guerra e dell’artigianato, è in parte artificiale. “Specie la parte occidentale della collina sembra essere il risultato di un intervento massiccio di rimaneggiamento del terreno, con un rialzamento di alcuni metri”, spiega la professoressa Ammerman, responsabile dei lavori. 

Il direttore del Parco Archeologico, Gabriel Zuchtriegel ha precisato che “se si confermano le ipotesi, vuol dire che dobbiamo immaginare un mega intervento che, prima ancora dell’architettura, investe il paesaggio di Paestum: i templi di Athena sono spesso collocati su delle alture ma visto che Paestum è ubicata in pianura, i Greci hanno forse sentito la necessità di modificare l’orografia del terreno, per creare uno spazio degno della dea e del suo grande tempio.”

Per la verifica dei dati, sono previsti dei carotaggi nel mese di novembre

Lascia un Commento