Scoperta a Salerno la proteina che allungherebbe la vita

Individuata la proteina che ripristina la funzione vascolare e che consentirebbe di arrivare a compiere cento anni di età

Lo studio, già in fase avanzata, è condotto da Carmine Vecchione responsabile del programma di riabilitazione cardiologia dell'Azienda ospedaliera universitaria San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salenro e da Annibale Puca docente presso il Dipartimento di medicina e chirurgia dell'Università di Salerno.

La ricerca ha permesso di individuare la proteina Lav la cui somministrazione riesce a ripristinare la funzione vascolare in modelli sperimentali di disfunzione dell'endotelio che rappresenta un denominatore comune in numerose patologie cardiovascolari.

Il professor Vecchione spiega che la proteina attualmente viene somministrata ai topi anziani valutandone nel tempo la mortalità.

Secondo quanto riscontrato in laboratorio, la somministrazione della proteina Lav potenzia il rilascio di ossido nitrico ''elemento fondamentale – afferma Vecchione – per un corretto funzionamento della struttura vascolare e per buon controllo della pressione arteriosa".

I risultati dicono che nel ratto iperteso la proteina riduce i livelli di pressione sanguigna, normalizzandoli. I gruppi di ricerca, coordinati da Vecchione e Puca, stanno portando avanti ulteriori analisi nelle strutture IRCCS Neuromed di Pozzilli e Multimedia di Milano convenzionate con l'Ateneo di Salerno. I risultati fino ad oggi verificati sono stati pubblicati sulla rivista scientifica 'Circulation Research'.

Lascia un Commento