Scario (SA) – Camorra. Operazione Dia, c’è anche la quota di un lussuoso complesso a Scario

C’è anche la quota di un lussuoso complesso immobiliare di Scario a sud della Provincia di Salerno tra i beni sequestrati nell’ambito dell’operazione denominata 3+ degli uomini della Direzione investigativa antimafia di Napoli, che oggi hanno dato esecuzione a un decreto emesso dalla sezione misure di prevenzione del Tribunale di Napoli su richiesta del direttore della Dia, il generale Antonio Girone. Il complesso in questione è costituito da 61 camere d’albergo con annessa piscina, campo da tennis e lido balneare. Il provvedimento di sequestro ha colpito Salvatore Somma, 54 anni, ritenuto a capo dell’omonimo clan camorristico, Luigi e Giovanni Somma, fratello e figlio del capoclan, di 39 e 27 anni. I tre, di Piazzolla di Nola, sono tutti detenuti. I beni sequestrati, in totale, ammontano a circa 20 milioni di euro. Le attività investigative che hanno portato al provvedimento di sequestro sono conseguenti all’emissione delle misure cautelari in carcere emesse nel 2007 nell’ambito dell’operazione Golem a carico dei maggiori esponenti dell’organizzazione camorristica Somma-La Marca, operante nel nolano e accusata di una serie di reati che vanno dall’associazione di stampo camorristico, all’estorsione e all’usura.

Lascia un Commento