Scafati (SA) – Ginecologo arrestato. Save the children, sostenere le mamme teen

La vicenda del ginecologo di Scafati arrestato per aver venduto il neonato di una minorenne a una coppia salernitana “mette in rilievo l’importanza di investire su una rete di protezione e di sostegno per i bambini e le mamme, come i centri antiviolenza, i consultori, i servizi territoriali, realtà che stanno vivendo in modo acuto la crisi economica e che rischiano di diventare sempre più deboli e più rari. A sostenerlo è Raffaela Milano, di Save the Children che intervenendo sulla vicenda evidenzia come per scongiurare la compravendita del neonato e arrestare i responsabili è stato fondamentale l’operato di un Centro antiviolenza, in collaborazione con i servizi sociali, le forze dell’ordine e la magistratura. E’ grazie a questa rete se oggi questo bambino potrà crescere in quella che sarà la sua vera famiglia. Save the Children ha più volte raccomandato di porre una particolare attenzione nei confronti delle mamme giovanissime, che vivono la maternità in molti casi in solitudine e che vanno sostenute e supportate per proseguire il loro processo di crescita e quello dei loro bambini.
In base agli ultimi dati dell’organizzazione disponibili, le mamme teen, cioé di età compresa fra i 14 e i 19 anni, sono oltre 10mila in Italia, di cui circa 2.500 minorenni: fra queste ultime il l’82% è costituito da italiane e il 18% da straniere. Il 71% delle mamme teen risiede nel Mezzogiorno e nelle isole, in particolare in Sicilia, Puglia, Campania, Sardegna e Calabria. Circa il 60% delle mamme adolescenti ha un marito o un compagno, mediamente giovane.

Lascia un Commento